Toscanarte
468 animato bianco

seguici su:

Icona Facebook
menu Menu
info e contatti home artisti iscritti iscrizione art news mostre inaugurazioni eventi concorsi newsletter pubblicità directory

Art News / Due Bronzi di Ugo Guidi ad Atene

Due Bronzi di Ugo Guidi ad Atene.

Nella Galleria Hot Wheels Athens , via Patision 41 Atene - Grecia viene organizzata una importante mostra internazionale con 5 artisti, quattro giovani e un artista toscano scomparso: Ugo Guidi. Gli artisti sono: Moyra Davey, Yorgos Prinos, Francesco Joao (1987, vive a San Paolo), Ugo Guidi (Montiscendi di Pietrasanta, 1912- Forte dei Marmi, 1977), Heike-Karin Foell (1967, vive a Berlino).

La mostra dal titolo “1150 San Remo Drive”, luogo in cui abitò in America Thomas Mann, a cura di Francesco Tenaglia, editore e manager di Mousse, agenzia che crea progetti ed iniziative culturali d’arte contemporanea e dell’importante magazine d’arte internazionale, occuperà il periodo dal 3 marzo al 16 maggio 2020 e vedrà esposti due bronzi “Totem” di Ugo Guidi di circa 2 metri cadauno.

“I totem che, per come li vedo io, possono essere "monadici"–rimandare sia al distanziamento di Castorp, sia all'esilio di Walser, alla sua fuga dal beau monde di Berlino che si contrappone a un livello discorsivo-concettuale” così Francesco Tenaglia introduce in catalogo le opere di Guidi.
“La mostra è ispirata da un gruppo di riferimenti circoscritti e speculari: Il primo è Zauberberg (La Montagna Incantata) di Thomas Mann: un Bildungsroman sul giovane Hans Castorp che viaggia dalla Germania per visitare il suo cugino malato in un sanatorio sulle Alpi Svizzere, poco prima della prima guerra mondiale. La visita dura ben oltre le tre settimane previste e Castorp acquisisce, attraverso l'abituale presenza degli abitanti malati o morenti del complesso, la conoscenza - in diluito e forma elevata - dei dibattiti filosofici e politici che hanno mobilitato l'Europa prima della guerra. Ai due poli estremi: libertario umanesimo e autoritarismo. Al centro del romanzo c'è il tempo: gli abitanti del sanatorio vivono (e si riferiscono esplicitamente a) un ritmo lento e meditativo che li isola e li separa volontariamente - quasi antropologicamente - dagli abitanti di "down lì "; Mann dà un diverso" peso "agli episodi e alle settimane che hanno un valore soggettivo superiore per il protagonista e dichiara addirittura al lettore il suo desiderio di studiare le relazioni tra narratività e tempo, i modi per rendere il passaggio di tempo un'entità tangibile attraverso la scrittura. Un momento di "frattura" di questo tempo sospeso è un viaggio rischioso, durante il quale Castorp rischia di perdere la vita in una tempesta di neve: dopo l'esperienza riceve una visione quasi profetica, nietzscheana in cui visualizza gli abissi più profondi e spaventosi dell'anima, proprio come immagini di perfezione e bellezza. “Per amore della bontà e dell'amore, l'uomo deve lasciare che la morte non abbia sovranità sui suoi pensieri”, afferma l'autore.

Il secondo riferimento è lo scrittore svizzero Robert Walser, famoso durante i primi due decenni del 1900, annoverato tra i suoi sostenitori e seguaci Robert Musil, Elias Canetti, Walter Benjamin, Hermann Hesse e ancor più palesemente, Franz Kafka. La vita di Walser fu - usando una parola musicale - un "diminuendo": si allontanò da Berlino perché era stufo dell'arroganza dell'ambiente artistico dal quale si sentiva alienato e con il quale non poteva più collegarsi alle Alpi svizzere. Appassionato camminatore, non si fermò nemmeno quando, a seguito di un esaurimento nervoso, fu ricoverato in una casa di riposo che - anche dopo diversi anni di stabilità e salute mentale: non voleva andarsene. Sviluppò progressivamente una tecnica di scrittura miniaturizzata per cui le ultime storie non sono leggibili a occhio nudo. Silenzioso e orientato alla routine, ha spesso toccato i temi del mettersi servizio di altri, regole e gerarchie. Il registro, tuttavia, è sempre rimasto giocoso e infantile, nascondendo - soprattutto nell'ultima parte produzioni - riferimenti sottili ed eruditi. Morì a Natale nel 1956: fu trovato sdraiato nella neve, colpito da un infarto durante una delle sue amate passeggiate. “La mia vocazione, la mia missione, consiste principalmente nel fare ogni sforzo per mantenere l’idea nel mio pubblico che creda che io sia veramente semplice. Offro loro l'illusione che esistano ancora incontaminazione e ingenuità”. Il fratello di Robert, Karl–, un illustratore di successo progettò le copertine per le opere complete di Thomas Mann all’ editore S. Fischer Verlag dal 1933 al 1937.”
“La mostra prende il titolo dall'indirizzo della casa di Los Angeles dove Thomas Mann visse per circa dieci anni in esilio dal Nazismo e intende trasferire i punti di contatto / sovrapposizione dei due riferimenti in modo non letterale (i riferimenti saranno anche resi in modo molto obliquo nel foglio della stanza) : isolamento - fuga dalla socialità, esilio, ma anche la scelta della rarefazione per “otium” produttivo -; mettere in scena - in modo quasi illusionistico - la possibilità di modulare il flusso del tempo; relazione tra scrittura e visione; occultamento di un livello "concettuale" all'interno di una materialità leggera; crisi e turbolenze politiche e i loro effetti sulla cultura.”
FRANCESCO TENAGLIA


MUSEO UGO GUIDI - MUG
Via M. Civitali 33
Forte dei Marmi
tel. 348-3020538
museougoguidi@gmail.com www.ugoguidi.it

Luogo dell'evento: Hot Wheels Gallery
Via Patision 41 Atene


Foto..

Nessuna foto presente

T3

Niconew

TabletToscanarteNew

open

Tipo3 120x360 newsletter

Tipo4 adv

Due giorni

Realizzazione siti web by TimeforWeb Xela Web Studio - Partita iva: 02082050978 | Note legali - Privacy Policy - Cookie Policy
Per migliorare l'esperienza di navigazione questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, clicca su "acconsento" per abilitarne l'uso.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra informativa completa. Acconsento